vhs in dvd

Tanti di voi guardando la grossa pila di videocassette che ha in casa si è chiesto come fare per preservarla nel tempo e non vedere sciupati ricordi passati che fanno parte della nostra vita. Le VHS, come sapete, si deteriorano nel tempo (anche se con alcuni accorgimenti si riescono ad evitare grossi danni) ma prendere in considerazione la conversione in formato digitale è un’ottima idea.

Prima di spiegare nel dettaglio il processo di “copiatura” da formato analogico a digitale, facciamo una prima panoramica per capire le differenze tra i due sistemi e le modalità che determinano il processo di conversione da VHS a DVD.

VHS è un formato analogico. Ciò significa che le informazioni sono codificate da campi magnetici memorizzati su un nastro magnetico. Nel tempo quindi vari processi e agenti esterni attaccheranno suddetto nastro fino ad arrivare ad un vero e proprio degrado delle informazioni arrivando perfino, nei casi peggiori, alla illeggibilità del filmato.
Il DVD, invece, è un formato digitale e quindi le informazioni sono memorizzate come una sequenza binaria di numeri che salvati su PC non si deteriorano (mentre nel caso di riversamente sul DVD non ci sarà un degrado delle informazioni ma se il DVD in questione viene tenuto male, rigato etc possiamo andare incontro ad una illeggibilità dello stesso).

Siccome i 2 formati sono così diversi tra di loro, per convertire VHS in DVD è necessario trovare un modo per convertire le informazioni analogiche in digitale e per questo è necessario un convertitore da VHS a DVD. Ci sono diverse opzioni a vostra disposizione su questo fronte e il metodo scelto dipende da quello che state cercando e quali risorse avete disponibili:

Registratore VHS/DVD
Di tutti i metodi disponibili, questo metodo è probabilmente il più semplice. Si tratta di usare un registratore che integra i 2 formati permettendo di inserire una videocassetta VHS ed un DVD. Ciò consente di copiare i vostri nastri VHS in DVD nello stesso modo in cui si duplicherebbero 2 nastri VHS. Consigliato per neofiti o per chi non ha grandi pretese visto che non è possibile fare lavori di montaggio o altro (anche se poi successivamente si potrà riversare il contenuto del DVD su PC). Uno svantaggio può essere dovuto al fatto che se si dispone di film protetti da copia, il dispositivo non sarà in grado di portare a termine la conversione.

DVD Recorder
Un registratore DVD è un’unità autonoma che funziona allo stesso modo del registratore VHS, solo che al posto della solita videocassetta troviamo il DVD. L’unità solitamente dispone di ingressi audio e video tramite i quali è possibile collegare la nostra telecamera. C’è il vantaggio che è possibile copiare film protetti mentre lo svantaggio è che permette solo il collegamento con telecamere o supporti analogici (il collegamento con un registratore VHS sarebbe complicato e sconveniente).

VHS con scheda di acquisizione interna (o supporto esterno)
Tramite una scheda di acquisizione sarà possibile collegare la nostra telecamera (o il nostro registratore VHS) al computer permettendo la conversione del filmato. Esistono schede di acqusizione di bassa qualità, che fanno uso del processore per la codifica, mentre schede di alta qualità usano una codifica hardware non appoggiandosi al processore del PC e quindi garantendo una qualità di conversione migliore. In questo modo ci troveremo dei video digitali (AVI/MPEG o altro, dipende dalla codifica) sul PC e potremo anche elaborarli con un software di editing video. Metodo per utenza esperto visto che bisogna stare attenti a non perdere qualità nei vari processi di esportazione.