Inception
Siamo alla Parte 3 della classifica dei migliori 15 film di sempre (naturalmente secondo la mia opinione). Dopo aver dato un occhio alle posizioni dalla 15 alla 5, ora andiamo verso la Top5, dove so già che troverete un film che non sarete d’accordo.

Partiamo subito con una bella carrellata dal 5° al 1° posto! (Parte 3/3)


PARTE 1 (15/10° posto)PARTE 2 (10/5° posto) – PARTE 3


5° posto |  Il Favoloso Mondo di Amélie (locandina) – regista Jean-Pierre Jeunet (2001) | Commedia
Cast: Audrey Tautou, Mathieu Kassovitz, Rufus, Yolande Moreau, Artus de Penguern, Jamel Debbouze
Nazione: Francia
Durata: 120′
Premi: Nomination agli Oscar come Miglior film straniero, Miglior sceneggiatura, Miglior scenografia, Miglior sonoro e Miglior fotografia.

Nella parte 2 ho spiegato come alcuni di voi storceranno il naso a vedere questo titolo in mezzo a mostri sacri del cinema, ma il Cinema è arte e secondo me questo film lo interpreta alla grande. Contributo alla qualità del film è la colonna sonora a cura di Yann Tiersen, che ha tirato fuori dei pezzi straordinari. E poi come non citare Audrey Tatou, che in questo film è da 10 e lode… troppo l’attrice giusta al momento giusto!

Trama: La giovane donna Amélie Poulain ha molto a cuore la vita delle persone che la circondano. La sua vita cambia quando trova un vecchio scrigno nascosto nel suo appartamento da un ragazzo ormai diventato adulto.

scena dal film, scena di una trasportazione unica grazie alla musica di Yann Tiersen.


4° posto |  Will Hunting – Genio Ribelle (locandina) – regista Gus Van Sant (1997) | Drammatico/Commedia
Cast: Robin Williams, Matt Damon, Minnie Driver, Ben Affleck, Stellan Skarsgård
Nazione: USA
Durata: 126′
Premi: 2 Oscar come Miglior attore non protagonista (Robin Williams) e Miglior Sceneggiatura. Golden Globe come Miglior Sceneggiatura.

Robin Williams è un attore che secondo me lo si apprezza quando si è, in un certo senso, maturi/pronti mentalmente. Se si guardano le sue pellicole sotto forma di commedia, come molti film suoi fanno immaginare, non lo si apprezza e infatti è per quello che molte persone o lo amano o lo “odiano”. Will Hunting mi piace molto perché nei dialoghi dello psicologo Sean McGuire (interpretato da Williams) e di Will Hunting (Matt Damon), ci sono molte verità che ci danno molti spunti di riflessione.

Trama: Will Hunting vive nei quartieri poveri di Boston, frequenta un gruppo di amici teppisti e lavora come inserviente al prestigioso Massachusetts Institute of Technology. E’ qui che un giorno risolve per caso un difficilissimo problema matematico rivelandosi un genio. Il professor Lambeau, colpito dalle sue doti, cerca di strappare Will alla sua esistenza dissipata e lo affida allo psicanalista Sean, che col tempo riesce a guadagnarsi la fiducia del ragazzo convincendolo a dare una svolta alla sua vita. Will, che intanto si è innamorato di Skylar, una sua coetanea studentessa universitaria, decide alla fine di lasciare amici scapestrati e vantaggiose offerte di lavoro per raggiungere la ragazza in California.

scena dal film, uno dei tanti dialoghi toccanti e profondi del grande Robin Williams ad un giovane Matt Damon.


3° posto |  Les Miserables (locandina) – regista Tom Hooper (2012) | Drammatico/Musical
Cast: Hugh Jackman, Anne Hathaway, Russell Crowe, Amanda Seyfried, Helena Bonham Carter, Sacha Baron Cohen, Samantha Barks, Eddie Redmayne, Aaron Tveit, Samantha Barks, George Blagden.
Nazione: USA
Durata: 152′
Premi: 3 Oscar come Miglior Attrice (Anne Hathaway), Miglior trucco e Miglior sonoro. Golden Globe come Miglior film commedia/musicale, Miglior attore (Hugh Jackman) e Miglior attrice non protagonista (anne Hathaway)

Qui ringrazio l’amico Alessandro che me l’ha fatto scoprire a Teatro in un viaggio a Londra. Lo spettacolo mi era piaciuto e quindi a casa mi sono visto il film e mi ha rapito: per un po’ di tempo non ascoltavo altro che il CD della Colonna Sonora (non chiedetemi il reale motivo di ciò). Si tratta principalmente di un Musical ma niente ha a che vedere con i classici film di questo genere: qui c’è più poesia, più pathos. Anne Hathaway è eccezionale, sia nella recitazione che nel canto, mentre l’unico che mi ha dato qualche dubbio è Russel Crowe, ma d’altronde dei nomi di spessore ci vogliono per attirare il pubblico.

Trama: Ambientato sullo sfondo della Francia del 19mo secolo, Les Misérables racconta una storia affascinante di sogni spezzati e di amore non corrisposto, di passione, sacrificio e redenzione – una testimonianza senza tempo della resistenza dello spirito umano. Jackman interpreta l’ex-prigioniero Jean Valjean che, dopo esser venuto meno agli accordi, viene inseguito per decenni dallo spietato poliziotto Javert (Crowe). Quando Valjean promette di prendersi cura della giovane figlia dell’operaia Fantine (Hathaway), Cosette, le loro vite cambiano per sempre.

scena dal film, sicuramente una scena che ha contribuito al suo oscar… inimitabile!


2° posto |  Into The Wild (locandina) – regista Sean Penn (2007) | Avventura/Drammatico
Cast: Emile Hirsch, Vince Vaughn, Hal Holbrook, Kristen Stewart, William Hurt, Marcia Gay Harden
Nazione: USA
Durata: 148′
Premi: 2 Nomination agli Oscar come Miglior attore non protagonista (Hal Holbrook) e Miglior montaggio. Golden Globe Miglior canzone (Guaranteed di Eddie Vedder).

Un film che ha risvegliato gli animi viaggiatori di molte persone (almeno sul piano teorico). Il film è semplicemente straordinario per i suoi messaggi di libertà e per la colonna sonora di Eddie Vedder, che ha colto appieno lo spirito del film creando delle musiche capolavoro (per me la miglior colonna sonora fino ad ora presente in un film).

Trama: Fresco di laurea e con un promettente futuro di fronte a sé, il ventiduenne Christopher McCandless (Emile Hirsch) sceglie di abbandonare la sua vita agiata e di partire alla ventura, verso l’ignoto. Le esperienze del suo viaggio trasformeranno questo giovane girovago in un simbolo per moltissime persone. Ma chi è Christopher MacCandless? Un eroico avventuriero o un idealista ingenuo, un Thoreau ribelle degli anni ’90 o uno dei tanti ragazzi perduti americani, un giovane coraggioso che non teme il rischio o una figura tragica che ha sfidato il precario equilibrio tra uomo e natura? Questa ricerca porterà Christopher dai campi di grano del South Dakota a un viaggio avventuroso e ‘controcorrente’ lungo il fiume Colorado, fino alla comune alternativa di Slab City, in California, e oltre. Strada facendo, incontrerà una serie di personaggi pittoreschi che vivono ai margini della società americana – uomini e donne che cambieranno la sua visione della vita, e che saranno a loro volta cambiati dall’incontro con lui. Alla fine, si metterà alla prova partendo da solo per le terre selvagge del grande nord, dove tutto quello che ha visto, imparato e vissuto lo condurrà verso un epilogo inatteso.

scena dal film, uno dei magici pezzi (Society) di Eddie Vedder con testo in ITA.


1° posto |  Inception (locandina) – regista Christopher Nolan (2010) | Fantascienza/Thriller
Cast: Leonardo DiCaprio, Ken Watanabe, Joseph Gordon-Levitt, Marion Cotillard, Ellen Page, Tom Hardy, Cillian Murphy, Tom Berenger, Michael Caine, Lukas Haas, Tohoru Masamune
Nazione: USA
Durata: 142′
Premi: 4 Oscar come Miglior fotografia, Miglior sonoro, Miglior montaggio sonoro e Migliori effetti speciali.

E al 1° posto non poteva mancare un film di Christopher Nolan! Inception è un capolavoro assoluto e si guadagna il 1° posto, complice anche il fatto che mi sento toccato in prima persona dalla trama. Ambienti fantastici dei sogni che nascono davanti ai nostri occhi, inquadrature da manuale, effetti speciali all’ennesima potenza… e come al solito finale alla Nolan! Ciliegina sulla torta, la colonna sonora a cura di Hans Zimmer, dove troviamo il brano ‘Time’ che adoro.

Trama: Dom Cobb (Leonardo DiCaprio) è un abile ladro, il migliore in assoluto nella pericolosa arte dell’estrazione, ovvero il furto di importanti segreti dal profondo subconscio durante lo stato onirico, quando la mente è maggiormente vulnerabile. La rara abilità di Cobb ne ha fatto una figura molto ricercata nell’ambiente del nuovo spionaggio industriale, ma anche un ricercato internazionale, facendogli perdere tutto ciò che ha amato. Ora a Cobb è stata offerta la chance di redimersi. Un ultimo lavoro potrebbe restituirgli la sua vita, se solo saprà ottenere l’impossibile – “inception”. Invece del furto perfetto, Cobb e la sua squadra di specialisti dovranno riuscire nell’opposto: il loro compito non sarà rubare un’idea ma impiantarne una. Se avranno successo, potrebbe trattarsi del crimine perfetto. Ma nessun livello di pianificazione rigorosa e di esperienza possono preparare la squadra al pericoloso nemico che sembra prevedere ogni loro mossa. Un nemico che solo Cobb avrebbe potuto aspettarsi.

scena dal film, scena che ci mostra il filo conduttore che ruota attorno ad Inception.


PARTE 1 (15/10° posto)PARTE 2 (10/5° posto) – PARTE 3