Editoriale 365mountainbike
C’era una volta una hardtail e una biammortizzata che scorrazzavano allegre nelle verdi praterie. Nel fiore degli anni si godevano la vita, fino al giorno in cui…

Editoriale tratto dal numero di 365mountainbike, #47, Novembre/Dicembre. La bici hardtrail (o Front) è la classica MTB con la sola forcella ammortizzata davanti mentre la bici biammortizzata (o Full) è la bici con l’ammortizzatore anche dietro, quindi più adatta alla discesa.

Una Full e una Front vivevano nello stesso giardino. La Front aveva geometrie recenti, ottima componentistica e se la cavava egregiamente anche su terreni abbastanza tecnici. La Full, invece, disponeva di una escursione di ben 150mm, sia al posteriore che all’anteriore, ma il parco sospensioni era misero: al posteriore un ammo a molla non bloccabile mentre all’anteriore una forcella che definirla da supermercato era un complimento: peso totale del mezzo ben 18kg. I due mezzi avevano stretto una grande amicizia tra loro. Insieme giravano sui single track, pompavano tra un salto e l’altro, per quanto riusciva a fare la Front. Ogni tanto cadevano, ma sempre con il sorriso sulle forcelle.

Derapavano e facevano allegre conversazioni. Alla Front non pesava aspettare sempre la Full alla cima di ogni salita, andavano d’accordo ed erano sulla stessa lunghezza d’onda. Insomma, stavano sempre insieme e, nei momenti difficili, si aiutavano e s’incoraggiavano a vicenda.

bicUn bel giorno la Full si fece più lenta, principalmente in discesa, a causa della perdita d’olio dalla forcella. Quando la strada scendeva non si divertiva più e in salita non aveva motivazioni tali da giustificare tutta quella fatica.
La Front rimase paziente ma vedeva che qualcosa si era incrinato tra loro, non c’era più quell’armonia, voleva qualcosa di più! La Full perse anche i suoi bei colori e la verniciatura si fece più opaca… s’irrigidì! La fedele amica Front, non capendo bene quel che stava succedendo alla sua amica, le si avvicinò, le parlò, si disperò e la vegliò a lungo. Dopo qualche giorno, la Full si presentò con vari cambiamenti, tra cui spiccava un ammortizzatore giallo a molla, regolabile in estensione, precarico e doppio tubo che manteneva separata la compressione dal ritorno, mentre all’anteriore c’era una forcella con un colore simile al caffè espresso che disponeva di una ghiera dove poter regolare la compressione alle alte e alle basse velocità.

Tutti questi cambiamenti la portarono, in poco tempo, a perdere anche del peso e a migliorare pure in salita.

La Front, che aveva assistito al prodigioso cambiamento, si avvicinò e cominciò a parlargli con dolcezza. “Come ti sei fatta bella e slanciata! Sono proprio felice di avere un’amica così carina e alla moda come te! Se tu sapessi come mi sono preoccupata nel vederti triste”. “Chi sei tu?” la interruppe la Full,“quando mai ci siamo conosciute! Io ho uno schema ammortizzante che isola le forze derivanti dalla frenata, ho una gestione della compressione che non influisce sul ritorno e un trattamento alla forcella che riduce gli attriti del 20%. Tu invece non hai nessun ammortizzatore e nella forcella puoi solo regolare il ritorno. Ah, se le Front venissero bandite sarebbe un bene per tutti.” La Front rimase male e disse con umiltà: “Va bene, va bene, non ci siamo mai conosciute. Però ricordati che abbiamo girato per anni insieme e ti divertivi con me, sia in salita che in discesa!”.

Morale della storia…

editorialenov