Lastre di ghiaccio
Ultimamente Mosca va di moda: tutti a parlare di Putin, delle sue dichiarazione e del suo modo di fare da ‘vero duro’, atteggiamento che all’Italiano medio piace sempre. E allora ecco che mi ritrovo proiettato in Moscow l’ultimo dell’anno (diciamo non proprio per questo motivo dai 😉 )… spazio alle foto!

Partiamo con un ringraziamento dovuto ad Alessandro, che ha ospitato me e 2 amici nel suo “loft”!
Chiesa San Basilio
Piazza Rossa – Cattedrale di San Basilio, nota anche come chiesa della Trinità, è una cattedrale della Chiesa ortodossa russa eretta sulla Piazza Rossa di Mosca tra il 1555 ed il 1561 per volontà di Ivan IV di Russia. Il disegno dell’edificio, la cui forma ricorda ‘le fiamme di un falò che sale verso il cielo’, non ha analoghi nell’architettura russa. La cattedrale è inclusa dal 1990 come Patrimonio dell’umanità nella lista UNESCO, insieme al Cremlino di Mosca.

Gum Mosca
In Piazza Rossa trova anche spazio il Gum, l’imponente palazzo che occupa tutto il lato della Piazza di fronte al Cremlino. Con i suoi 80.000 m2 di superficie suddivisi in tre gallerie coperte per tre piani di altezza è una delle principali costruzioni della fine del XIX secolo in Russia, ora centro commerciale ricchissimo di negozi. Ecco come era e come è adesso (tengo a puntualizzare che la foto dell’epoca non l’ho fatta io).

GUM Moscow
GUM Moscow

Mosca
Fine Dicembre: le illuminazione Natalizie stanno arrivando giuste per l’ultimo dell’anno visto che in Russia il Natale si festeggia il 6 Gennaio.
Palle di Natale
Mosca

moscow (6)  
Metro Russa, super efficiente un po’ come in tutte le grandi metropoli. Con un unico biglietto si gira in Metro e mezzi pubblici.

No Bike Moscow
No Bike in Piazza Rossa.

moscow (8)
Freddo? No, oggi no! (di giorno era sempre ampiamente sotto lo 0 con punte che si avvicinavano ai -20° di sera)… però che goduria fermarsi poi nei baretti a farsi una cioccolata calda!

moscow (9)
moscow (2)
Selfie Smarphone
Pattinaggio Mosca
Alla mattina si prepara la pista di Pattinaggio.


5 giorni fantastici passati a zonzo per la città ed i locali, che si presentano sempre con un guardaroba dove riporre giaccia/cappelli vari e metal detector all’ingresso con relativi buttafuori. All’inizio mettono un po’ di timore ma poi si comincia perfino ad apprezzare tutta questa sicurezza. Come non ricordare il Kalina, bar posto al 21° piano con vista su tutta Mosca… spettacolo! Grazie ‘compagno Alexander’.

L’ultimo lo abbiamo passato in una disco molto chic in centro a Mosca… siamo riusciti ad avere anche il tavolino (sempre per merito di compagno Alexander) e ci siamo divertiti parecchio. Epica l’entrata a mezzanotte in punto nel locale. Per ritardi vari (abbiamo cenato in casa tra di noi), siamo arrivati al locale un pelo tirati con i tempi: la sala principale era al 2° piano e c’era un ascensore per accedervi. Bene, ci siamo trovati che, all’apertura delle porte, è partito l’applauso con relativo countdown mentre salivamo! Scena da film Holliwodiano 🙂

Per la strada non era raro trovare delle belle lastre di ghiaccio (o laghetti interamente ghiacciati)…ed ecco che partivano delle attività alternative!


Concludiamo con un bravo bambino che mangia il Leccalecca in Piazza Rossa… Buon anno a tutti gli amici e a quelli per cui conto qualcosa! (O si fa più bella figura a dire ‘a tutti quelli che mi conoscono’?) Mah….
moscow (13)