E’ stato un Aprile ricco di burle/video simpatici. Tutto ha avuto inizio con un Pesce d’Aprile pubblicato sul nostro Magazine (365mountainbike) e poi si è continuato nel delirio generale. Forse questo è dovuto al fatto che ci siamo trovati io e Mauro (compare al Costa del Gabbiani Bike Center) in appartamento da soli e questo non è un bene per la società in generale: un continuo farneticare di idee e cose da fare.

Il 31 Marzo abbiamo deciso di fare un pesce d’aprile sui nostri canali di 365mountainbike e abbiamo pensato ad un personaggio molto noto che arrivava sull’Isola d’Elba (Lance Armstrong), complice anche la Coppa del Mondo MTB che ci sarà a Maggio… inutile dire che molti ci sono cascati e abbiamo anche ricevuto delle pesanti critiche da qualche utente… ecco qui sotto il post:

A seguito del post, in serata, abbiamo deciso di pubblicare un video di smentita ma alla fine ne è uscita una gag in stile Zelig 😀


Nel mentre veniva pubblicato un video su dove e come nasce la rivista 365mountainbike Magazine, naturalmente in chiave ironica, dove metà scene le ho girate a Verona (sede del giornale) e metà all’Elba al nostro Costa dei Gabbiani Bike Center.


Come se non bastasse, c’è stato anche il tempo per un video promozionale sul Funky Day. Il Funky Day è un evento MTB con feste, escursione, gare e tutto quello che ci gira attorno. E’ aperto ad ogni tipologia di biker e anche le famiglia si divertono grazie a spazi allestiti ad hoc… insomma, una grande sagra paesana! 365mountainbike è portavoce del nome ‘Funky Day’ e quest’anno, come l’anno scorso, l’evento si svolgerà a Montecreto (MO) e la data è fissata in 18-19 Giugno. Ecco il video simpatico fatto sulla base di una scena dei Blues Brothers, doppiata da noi.
Slogan 2016 (a cura di Mauro):’Se non sei un nazista dell’Illinois, pedala con nois’


Altro video promozionale è stato quello per una gara Downhill a Rio nell’Elba. Siamo andati a trovare gli organizzatori e alla loro domanda:”ci sarebbe da pubblicizzarla, riuscite a darci una mano?’, ecco che tiro fuori la telecamera dal furgone e Mauro che comincia a pensare alla sceneggiatura. Alla fine però il ruolo di cameraman (essendo io coinvolto come biker) è stato di Riccardino, nostro amico e tra gli organizzatori della gara in questione. Questo il risultato (anche qui un po’ di ironia non siamo riusciti a farla mancare):


Per finire una parodia su Rocky, girata da me e Mauro ‘home made’, infatti abbiamo registrato senza un cameraman e senza un cavalletto! Ecco il link, ma questo filmato meriterà un articolo a parte.